ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Norvegia: polizia criticata per la lentezza dei soccorsi

Lettura in corso:

Norvegia: polizia criticata per la lentezza dei soccorsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Due giorni dopo la strage di Utoya, in Norvegia ci si interroga sulla lentezza dei soccorsi.

La richiesta di aiuto degli adolescenti braccati è stata quasi immediata. La polizia era sulle rive del lago 25 minuti dopo, pronta ad imbarcarsi.

Ma ha atteso l’arrivo di un’unità speciale dalla capitale, lasciando al tiratore almeno un’ora di tempo per uccidere.

“Il fattore tempo non è ancora chiaro”, spiega il capo della polizia di Oslo, Sveinung Sponheim, “deve essere accertato, tra l’altro, attraverso l’interrogatorio dei testimoni a cui non abbiamo ancora accesso”.

Altro problema, il battello troppo piccolo che imbarcava acqua. E la decisione di andare in macchina, l’unico elicottero pare fosse troppo lontano.

Quello che è certo è che, davanti agli agenti finalmente sull’isola, Anders Behring Breivik si è arreso subito, senza opporre resistenza.