ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, Tripoli smentisce i ribelli: "Brega è ancora nostra"

Lettura in corso:

Libia, Tripoli smentisce i ribelli: "Brega è ancora nostra"

Dimensioni di testo Aa Aa

La presa di Brega è smentita da Tripoli. La città del petrolio al centro della contesa tra ribelli e forze leali a Gheddafi sarebbe ancora sotto il controllo del rais. A sud di Bengasi, la sede di uno dei più importanti terminal petroliferi libici rappresenta un obiettivo strategico, circondato da mine per rendere ai ribelli l’avanzata ancora più insidiosa, scopo raggiunto con successo secondo il portavoce del governo libico, Moussa Ibrahim:

“Dopo che avranno preso Brega si fermeranno, questo dice tutto, sono interessati solo al petrolio e noi difenderemo Brega fino alla morte dell’ultimo aggressore”

Sulla situazione sul campo le notizie restano contraddittorie, come le cifre dei morti. Sarebbero una quarantina da entrambe le parti negli ultimi tre giorni. Sul piano diplomatico dagli Stati Uniti è giunto a Gheddafi l’invito ad andarsene, mentre a Washington sono arrivate le critiche di Mosca, che si dice contraria a una presa di posizione.