ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Biocarburanti, ecco i certificati per garantire l'origine

Lettura in corso:

Biocarburanti, ecco i certificati per garantire l'origine

Dimensioni di testo Aa Aa

Biowanze è il principale produttore di Bioetanolo in Belgio. In questa fabbrica a 60 km da Bruxelles i carburanti ecologici sono prodotti con grano e barbabietole da zucchero. L’azienda afferma di poter garantire una riduzione del 70% dei gas ad effetto serra rispetto ai combustibili fossili e questo, ci dicono, senza sottrarre terre alla derrate alimentari.

Christelle Noirhomme, portavoce di Biowanze:

“Utilizziamo barbabietole in eccesso. Quello che non è utilizzato per il consumo umano è trasformato in energia”

Per uno sviluppo sostenibile dei biocarburanti, la Commissione europea ha presentato questo martedi’ un sistema di certificazione, un sistema che dovrà garantire come e dove sono stati prodotti i biocarburanti e soprattutto che sono state rispettate le riserve naturali.

Günther Oettinger, Commissario europeo all’Energia:

“Le piante sono utilizzate per la maggior parte della produzione di biocarburanti. Per questo dobbiamo essere sicuri che nel processo non sono state danneggiate le foreste tropicali o altri ecostistemi fragili”.

Spesso infatti lo sviluppo dei biocarburanti porta ad una trasformazione del panorama agricolo, al posto di prodotti per l’alimentazione si coltivano colza o grano per biocarburanti. E’ una dinamica che ha fatto impennare i prezzi delle materie prime alimentari denunciata dalle ong.

Nusa Urbancic dell’associazione Transport and Environment:

“La Commissione europea avrebbe dovuto presentare la proposta per contrastare i cambiamenti indiretti nel paesaggio agricolo entro la fine di luglio, ma è in ritardo, nonostante i loro stessi studi dimostrino che alcuni tipi di biocarburanti sono piu’ dannosi per il clima dei carburanti fossili”

Secondo uno studio dell’ Istituto europeo per le politiche ambientali, la domanda crescente di carburanti nei trasporti entro il 2020 porterà a trasformare le colture delle terre per una superficie pari a quella dei Paesi Bassi.