ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stress test banche UE: solo 8 bocciate ma 16 troppo deboli

Lettura in corso:

Stress test banche UE: solo 8 bocciate ma 16 troppo deboli

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo una settimana di tempesta sui mercati europei, tutta da dimenticare, i risultati degli stress test sono tutto sommato positivi: su 91 banche dell’Unione soltanto 8 ricevono la bocciatura dell’Eba, l’European Banking Authority. Cinque sono spagnole, due greche, una austriaca.

Ma 16 passano l’esame sul filo di lana, tra cui le portoghesi Bcp e Bes. Per questo motivo, ha detto Carlos Costa, governatore della Banca centrale del Portogallo, gli istituti dovranno procedere nei prossimi tre mesi ad aumenti di capitale o a dismissione di attivi.

Promosse con ampio margine tutte e cinque le banche italiane: Intesa Sanpaolo la migliore.

I test di resistenza hanno dipinto uno scenario di crisi equivalente a due anni, 2011-2012, di recessione “particolarmente severa”.

Hanno superato la prova le banche francesi, nonostante la loro esposizione in titoli greci.

“Concretamente significa che, anche nella peggiore delle ipotesi, possono mantenere un livello di fondi propri largamente superiore alla soglia minima del 5%. È la conferma che il nostro sistema bancario è solido”, ha detto il ministro dell’Economia francese François Baroin.

È la prima volta che i test hanno preso in considerazione l’esposizione degli istituti ai rischi ‘sovrani’, cioé al debito pubblico dei Paesi in difficoltà. Ma per molti analisti non sono ancora sufficienti per far dormire sonni tranquilli ai governi e tranquilizzare i mercati.