ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria: vertice in Turchia, ma accordo tra opposizioni difficile


Siria

Siria: vertice in Turchia, ma accordo tra opposizioni difficile

L’opposizione siriana si riunisce in Turchia, ma non riesce ad andare al di là di una dichiarazione di intenti: più di trecento persone, in rappresentanza dei movimenti d’opposizione, soprattutto degli esuli, si sono ritrovate in una sala conferenze di Istanbul per tentare di formare un governo ombra e discutere le proposte d’azione per far cadere il governo di Bashar al Assad: è emersa, tra l’altro, la proposta della disobbedienza civile. Un vertice salutato con favore dal segretario di Stato americano, Hilary Clinton, presente a Istanbul per una serie di altri incontri. La Clinton ha definito vergognosa la repressione delle manifestazioni, ma ha anche detto che la situazione siriana non può essere influenzata dall’esterno.

A Damasco e a Homs, oltre che in alcuni centri minori, la folla è tornata a riempire le strade, per i funerali delle vittime del venerdì di sangue che ha visto oltre quaranta morti, secondo un nuovo bilancio dell’opposizione. E di nuovo la polizia ha sparato: l’opposizione deplora un’altra vittima, forse di più.

Prossimo Articolo

mondo

I funerali di Otto d'Asburgo, europeista convinto