ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Murdoch: scuse ai familiari della piccola Milly e ai lettori

Lettura in corso:

Murdoch: scuse ai familiari della piccola Milly e ai lettori

Dimensioni di testo Aa Aa

“Si è scusato tenendosi più volte la testa fra le mani”: così Rupert Murdoch è stato descritto dall’avvocato della famiglia di Milly Dowler, la tredicenne uccisa nel 2002, il cui cellulare intercettato è stato il vaso di Pandora che ha portato alla chiusura del News of the World e sta facendo tremare l’impero del magnate australiano.

“Sono rimasto sconvolto quando ho scoperto l’accaduto. Chiedo scusa, non ho altro da dire”, ha detto Murdoch dopo l’incontro con i Dowler.

Quando la ragazza venne uccisa, a dirigere il News of the World era Rebekah Brooks. Lo scandalo oggi l’ha costretta a dimettersi da amministratore delegato del ramo britannico della News Corporation. Al suo posto ci sarà l’uomo che fino ad oggi ha guidato Sky Italia, Tom Mockridge.

Ma quella della Brooks non è l’unica testa a cadere. Anche Les Hinton, amministratore delegato di Dow Jones, che pubblica il Wall Street Journal, e al fianco dello “squalo” da più di mezzo secolo, ha dato le dimissioni.

Il mea culpa d Murdoch è anche in una lettera pubblicata oggi su tutti i giornali di sua proprietà nel Regno Unito, che dice: “Ci rammarichiamo di non aver agito più velocemente. So che delle semplici scuse non sono abbastanza. Faremo passi concreti per riparare ai danni causati’‘.