ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'agenzia Fitch boccia la Grecia e la zona euro


Redazione di Bruxelles

L'agenzia Fitch boccia la Grecia e la zona euro

Nuova sferzata alla Grecia. L’agenzia di rating Fitch ha tagliato ancora la nota di Atene, attribuendo una tripla C che pone il paese ad un passo dalla bancarotta. Secondo Fitch non c‘è un piano credibile per la Grecia.

Dura la reazione della Commissione europea.

“Non capiamo questa decisione di Fitch.- Ha dichiarato Pia Ahrenkilde, la portavoce dell’esecutivo europeo. “L’Unione europea e il Fondo Monetario internazionale hanno appena approvato un’ulteriore tranche di aiuti finanziari per sostenere la Grecia, quindi è evidente che le condizioni per il nuovo versamento siano state rispettate”.

Le agenzie di rating sembrano sorde alle decisioni politiche, nei giorni scorsi anche l’Irlanda e il Portogallo sono state declassate. Mentre si discute di come finanziare il debito a livello nazionale, il ministro delle finanze italiano Tremonti ha rilanciato l’idea di obbligazioni a livello europeo.

“Gli eurobond? Da molto tempo sono a favore di questa idea della condivisione del debito pubblico dei membri della zona euro. Ma è solo un elemento necessario a rafforzare i legami politici tra gli stati membri”- sottolinea l’eurodeputata francese Pervenche Berès, presidente della commissione impiego al Parlamento europeo.

Ma questa nuova bocciatura da parte delle agenzie di rating suona come una bocciatura della classe politica europea, incapace al momento di trovare una soluzione al finanziamento della crisi greca e alla partecipazione del settore privato. Qual è la conseguenza di tanta indecisione?

“Il rischio è che ci sfugga il controllo- spiega Pierre Defraigne, economista del Collegio d’Europa.

“Che le speculazioni prendano di mira altri paesi con l’innalzamento brutale dei tassi e che tutta la struttura della zona euro vacilli”

Venerdi’ sono attesi i risultati degli stress test delle banche europee, un’operazione verità che potrebbe turbare ancora i mercati.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Bruxelles: entro il 2015 piu' pesce nei nostri mari