ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Uno scolapasta per la laicità. Vienna cede alla Chiesa degli spaghetti volanti

Lettura in corso:

Uno scolapasta per la laicità. Vienna cede alla Chiesa degli spaghetti volanti

Uno scolapasta per la laicità. Vienna cede alla Chiesa degli spaghetti volanti
Dimensioni di testo Aa Aa

Sì alla foto sulla patente con uno scolpasta in testa. L’Austria ha ceduto a Niko Alm: imprenditore e provocatore, che in guisa di moderno giullare, ha fatto leva sull’assurdo, per denunciare ogni deroga alla laicità dello stato.

“Se è possibile avere sui documenti foto col velo o altri simboli religiosi – spiega il fantasioso autore dell’iniziativa -, mi sono detto che questo doveva valere anche per me. Ho scelto quindi lo scolapasta come emblema della ‘Chiesa del mostro degli spaghetti volanti e ho spiegato che indossarlo come copricapo fa parte della mia religione”.

Alle autorità presentatosi come “pastafariano”, Alm l’ha spuntata dopo tre anni di battaglie e visite psichiatriche. Una via crucis accompagnata da una crociata sul web, con cui è già riuscito a rilanciare il dibattito sul laicismo in Austria.