ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: lutto nazionale per naufragio nel Volga

Lettura in corso:

Russia: lutto nazionale per naufragio nel Volga

Dimensioni di testo Aa Aa

È il giorno del lutto nazionale in Russia per il naufragio del Bulgaria, affondato nelle acque del Volga durante una crociera nel Tatarstan.

Solo un’ottantina di passeggeri sono stati soccorsi in tempo da una nave di passaggio, degli oltre duecento che erano a bordo.

Un sovraccarico eccessivo per l’imbarcazione, che poteva trasportare al massimo 140 persone e non aveva la licenza per effettuare crociere turistiche.

I sommozzatori, che hanno già recuperato 71 corpi, ne hanno avvistati un’altra cinquantina nella sala giochi del Bulgaria. Almeno 30 sono bambini: si erano radunati nella stanza poco prima che la nave affondasse in pochi minuti.

Nicolay Makarov è tra i sopravvissuti: “La barca stava prendendo acqua e gli uomini dell’equipaggio non c’erano più”, ricorda, “Stavano cercando di salvare se stessi. Tutti i nostri amici erano a bordo”.

Ma solo dopo racconta tutta la sua personale tragedia: sua figlia è ancora intrappolata nel Bulgaria. “Stiamo ancora sperando che riesca a sopravvivere”, dice, “Forse si è creata una bolla d’aria nella nave. Noi ci crediamo”.

Il presidente russo Dmitri Medvedev ha sollecitato un’indagine per far luce sulle responsabilità del naufragio e ha ordinato un’ispezione generale sulle navi civili nel paese, che la negligenza e la corruzione troppo spesso tengono in circolazione più del consentito.