ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Naufragio nel Volga, un centinaio i dispersi

Lettura in corso:

Naufragio nel Volga, un centinaio i dispersi

Dimensioni di testo Aa Aa

Un centinaio di persone risultano ancora disperse a seguito del naufragio di un’imbarcazione nel fiume Volga, in Russia.

85 i sopravvissuti, tratti in salvo in un primo momento da una barca che si trovava nelle vicinanze. Le autorità hanno proseguono le ricerche.

La “Bulgaria”, nave da crociera a due piani, trasportava 188 persone, compresi una quarantina di membri dell’equipaggio.

Al momento dell’incidente, percorreva il fiume tra Bolgar e Kazan, capitale della Repubblica autonoma del Tatarstan, a 800 chilometri a est di Mosca.

Restano sconosciute le cause del naufragio, avvenuto in pochi minuti, in acque profonde 20 metri, a 3 kilometri dalla riva.

“Nell’epoca sovietica, queste barche erano costruite per un utilizzo medio di 25 anni. Ma con una corretta manutenzione, possono durare per sempre. Devono essere controllate ogni anno dalle autorità competenti, cui spetta dare il permesso per continuare ad usarle”.

La compagnia proprietaria ha confermato di aver condotto recentemente delle ispezioni, che erano state superate.

L’imbarcazione era stata costruita negli anni Cinquanta in Cecoslovacchia; la televisione di Stato, dopo aver parlato di quattro canotti di salvataggio, ha ridimensionato il numero ad appena due.

Il Cremlino ha aperto un’inchiesta.