ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele approva il contestato confine marittimo con il Libano

Lettura in corso:

Israele approva il contestato confine marittimo con il Libano

Dimensioni di testo Aa Aa

Israele approva la linea dei suoi confini marittimi, che presenterà presto alle Nazioni Unite. Tel Aviv dà fuoco alla polemica con il Libano che l’anno scorso aveva già deposto all’Onu la sua versione della frontiera.

Beirut contende a Israele una zona ricca di gas e probabilmente petrolio vicina ai giacimenti di idrocarburi di Leviathan e Tamar scoperti nel 2010 al largo di Haïfa.

“I confini presentati dal Libano sono molto più a sud della linea proposta da Israele dichiara il premier Benyamin Natanyahu e sono contrari alla frontiera concordata tra Cipro e Israele. Contraddicono inoltre il confine negoziato tra lo stesso Libano e Cipro nel 2007. Il nostro obiettivo ha proseguito Netanyahu è posizionare la frontiera in accordo con i princìpi della legislazione marittima internazionale”.

I giacimenti sottomarini di idrocarburi di Tamar e Leviathan, 130 chilometri al largo del porto di Haïfa, sono i più ricchi scoperti al mondo negli ultimi 10 anni. Potrebbero garantire a Israele decenni di indipendenza energetica.