ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yemen: Saleh in tv ustionato, opposizione dice no a dialogo

Lettura in corso:

Yemen: Saleh in tv ustionato, opposizione dice no a dialogo

Dimensioni di testo Aa Aa

Volto bruciato e mani bendate. Il presidente yemenita, Ali Abdullah Saleh, è comparso in televisione per la prima volta dal ricovero in ospedale in Arabia Saudita, il 4 giugno scorso, dopo un attacco contro il suo palazzo.

Ha riferito di aver subito “otto interventi chirurgici” e ha lanciato un appello al dialogo.

Nel corso del suo intervento, Saleh non ha parlato di dimettersi. Ma secondo fonti diplomatiche, sono poche le possibilità di un suo ritorno in patria.

Ad allontanarlo da Sanaa e dallo Yemen ci hanno pensato – mentre da settimane infuriava la battaglia nella capitale sull’onda della primavera araba – le milizie tribali che hanno centrato con l’artiglieria, il 3 giugno scorso, il palazzo presidenziale.

Gli oppositori di Saleh chiedono la formazione di un consiglio provvisorio. Al potere da 33 anni, il rais è da oltre cinque mesi oggetto di contestazioni in un Paese dove si intrecciano rivalità tribali e pulsioni separatiste.