ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esplosivo sottocutaneo, gli Usa rafforzano misure sicurezza negli aeroporti

Lettura in corso:

Esplosivo sottocutaneo, gli Usa rafforzano misure sicurezza negli aeroporti

Dimensioni di testo Aa Aa

Esplosivo impiantato chirurgicamente nel corpo. Sarebbe la nuova strategia che il ramo di Al Qaeda nella penisola arabica starebbe sviluppando, secondo l’intelligence statunitense. Non è stato scoperto nessun piano preciso, si tratta solo di una minaccia potenziale.

Su un sito jihadista un sedicente chirurgo afferma di poter essere capace di impiantare un ordigno nel corpo di un kamikaze.

Neppure i body scanner in uso negli aeroporti statunitensi sarebbero in grado di rilevare l’esplosivo sottocutaneo.

“Far funzionare in modo efficace un ordigno esplosivo all’interno del corpo umano comporta numerosi problemi tecnici”, dice Juan Zarate, esperto di sicurezza nazionale, “soprattutto il fatto che l’esplosivo debba restare in incubazione per un po’ di tempo prima di esplodere. Certamente il corpo umano attutirebbe in parte l’effetto dell’esplosivo”.

I passeggeri provenienti dall’estero potrebbero essere sottoposti a maggiori e diversi controlli ha avvertito l’autorità per la sicurezza nei trasporti statunitense.