ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tailandia, quali sviluppi per Thaksin?

Lettura in corso:

Tailandia, quali sviluppi per Thaksin?

Dimensioni di testo Aa Aa

La riconciliazione dei Tailandesi: è questa la priorità per l’ex premier Thaksin Shinawatra. Mentre sua sorella incassa la vittoria alle elezioni, il miliardario allontanato dal potere 5 anni fa dai militari, non è impaziente di porre fine al suo esilio a Dubai.

“Non ho fretta di tornare – dichiara -, voglio prima vedere che avvenga la riconciliazion. Se la riconciliazione c‘è e io posso essere parte della soluzione, allora ci saró. Se invece sono parte del problema, allora non ci saró.”

In effetti, Thaksin Shinawatra è al centro della profonda divisione del Paese. Nella primavera del 2010, 100mila suoi sostenitori, le “Camicie Rosse”, occupano Bangkok per due mesi per reclamare elezioni anticipate e vengono poi sgomberati dall’esercito. Gli scontri provocano 92 morti e 1800 feriti. Per il suo sostegno a quelle manifestazioni, Thaksin è accusato di terrorismo.

La crisi era cominciata nel settembre 2006, quando l’esercito tailandese aveva compiuto un colpo di Stato contro il governo di Thaksin, rieletto nel 2005 dopo una prima vittoria nel 2001, ma accusato di corruzione.

Lo scandalo aveva provocato gigantesche manifestazioni delle “Camicie Gialle”, che avevano offerto il pretesto all’esercito per intervenire, col sostegno politico del Partito Democratico, dei monarchici e delle ricche élite del Paese.

Nel 2008, poco dopo la vittoria elettorale dei suoi sostenitori, Thaksin Shinawatra rientra dal suo esilio londinese per fronteggiare le accuse di corruzione mosse contro di lui e contro sua moglie.

Probabilmente pensa che il caso verrà chiuso. Ma i tribunali, il cui potere è stato rafforzato con la nuova costituzione sostenuta dai militari, decidono altrimenti. La Corte Suprema lo condanna in contumacia al carcere e congela i suoi beni.

Da allora Thaksin non è piú rientrato in Tailandia. Adorato da una parte delle masse contadine, è detestato da coloro che lo giudicano pericoloso per la monarchia e preferiscono saperlo lontano da Bangkok.