ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bielorussia, polizia e lacrimogeni contro i manifestanti

Lettura in corso:

Bielorussia, polizia e lacrimogeni contro i manifestanti

Dimensioni di testo Aa Aa

Arresti a raffica nel giorno dell’ indipendenza bielorussa. A Minsk chiunque applaudisse è stato portato via con la forza. E non sono mancati i lanci di lacrimogeni per zittire la protesta organizzata su internet, da un movimento di opposizione al presidente Alexander Lukashenko. I manifestanti intendevano esprimere il proprio dissenso battendo le mani in segno di scherno durante il discorso della massima carica Stato, noto per la dura repressione della libertà fondamentali.

Stanislav Shushkevich, leader dell’opposizione ed ex presidente bielorusso in arrivo dalla Lituania per partecipare alle celebrazioni è stato bloccato per ore dalla polizia al confine.

I tagli per fare fronte alla crisi economica e la sistematica repressione del dissenso le ragioni della protesta contro Lukashenko che ha definito la manifestazione un’aggressione all’indipendenza del paese. Indipendenza conquistata il tre luglio del 1944 con la liberazione dal nazifascisimo da parte dell’armata rossa. Ricorrenza celebrata con inconsueti spettacoli di danza, il discorso del presidente e la parata militare.