ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tav, alta tensione in Val di Susa

Lettura in corso:

Tav, alta tensione in Val di Susa

Dimensioni di testo Aa Aa

Si trasforma in guerriglia urbana in Val di Susa, la giornata di protesta nazionale contro la Tav. Quasi 200 feriti tra le forze di polizia, dichiara la Questura. Oltre 6 mila manifestanti in due diversi cortei. La protesta pacifica si scalda quando alcuni gruppi di manifestanti cercano di forzare il cantiere di Chiomonte per l’alta velocità. Partono lanci di pietre, bastoni, biglie. La polizia risponde con idranti e lacrimogeni. Le forze dell’ordine parlano di un’azione di tattica militare da parte di circa 300 black bloc giunti anche da Spagna, Francia e Germania. Quattro persone sono state arrestate, una denunciata.

Le ragioni della protesta da una manifestante: “Dire no a quest’opera non deve essere un pregiudizio, ma il frutto di un giudizio che sia maturato negli anni e che se andiamo ad analizzare soprattutto rispetto ai costi e ai benefici eventuali che può portare, viene ritenuta in questo momento assolutamente inutile”.

Il contestato progetto della Tav, da 15 miliardi di euro, è frutto di un accordo firmato nel 2001 tra Francia e Italia, ma è anche parte di un piano europeo molto più ampio, il cosiddetto corridoio n.5, che mira a unire l’Europa occidentale a Kiev, in Ucraina. I residenti denunciano i forti interessi economici e l’enorme impatto ambientale dell’opera.