ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: armi a insorti dalla Francia, l'ira del Cremlino

Lettura in corso:

Libia: armi a insorti dalla Francia, l'ira del Cremlino

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra Mosca e Parigi è gelo sulla missione in Libia. La decisione della Francia di fornire armi ai ribelli libici sta creando problemi alla coalizione che sostiene l’intervento della Nato contro Gheddafi.

Anche Cina e Unione africana hanno espresso preoccupazione.

“Abbiamo chiesto ai colleghi francesi di confermare le notizie riportate sulla fornitura di armi agli insorti libici – ha annunciato il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov – Aspettiamo una risposta. Se fosse vero rappresenterebbe una grave violazione della risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”.

Dopo uno scoop del quotidiano Le Figaro, lo Stato maggiore francese ha confermato ufficialmente che dall’inizio di giugno i suoi aerei militari stanno paracadutando armi leggere sulle montagne a sud di Tripoli.

Intanto, la figlia del rais, Aisha ha annunciato in che sono in corso negoziati tra il governo e gli insorti del Consiglio nazionale Transitorio.

Secondo un’emittente statunitense, inoltre, numerose donne stanno rispondendo all’appello di Gheddafi, addestrandosi all’uso delle armi.