ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: Bundestag approva l'uscita dal nucleare

Lettura in corso:

Germania: Bundestag approva l'uscita dal nucleare

Dimensioni di testo Aa Aa

La Germania abbandona ufficialmente il nucleare. Mentre all’esterno del Bundestag andava in scena una manifestazione degli ambientalisti, all’interno i parlamentari davano il via libera al progetto di legge del governo che prevede, entro il 2022, la chiusura di tutte le centrali presenti nel Paese. 513 i voti favorevoli, 79 quelli contrari.

Così Norbert Röttgen, ministro dell’Ambiente tedesco: “È la prima volta e per questo è una cosa unica che un grande Paese industrializzato accetti di impegnarsi in una simile rivoluzione, tecnologica ed economica, perché pensiamo che ciò sia un bene per il nostro Paese”.

L’opposizione intanto ironizza perché una decisione simile era stata adottata nel 2000 dal cancelliere socialista Schroeder ma la Merkel l’aveva di fatto cancellata. Dopo Fukushima però è stata costretta a tornare sui suoi passi.

“Per me – dice Renate Künast, leader dei verdi – è un’ironia della sorte che ora dobbiate avvicinarvi a quello che per decenni avete combattuto”.

Nel Paese al momento sono attive 9 delle 17 centrali presenti sul territorio. Tre verranno chiuse rispettivamente nel 2015, nel 2017 e nel 2019, altre tre nel 2021, le ultime nel 2022.

La Germania continuerà a potenziare le energie rinnovabili ed entro il 2030 conta di produrre il 45% dell’elettricità necessaria grazie a fonti alternative.