ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Charlene Wittstock, una campionessa per il Principato di Monaco


monacowedding

Charlene Wittstock, una campionessa per il Principato di Monaco

Elegante, alta, bionda, sorridente: Charlene Wittstock è un modello di discrezione e pazienza; il pricipe di Monaco l’ha frequentata per dieci anni prima di chiederle la mano.

È nel mondo dello sport, di cui è un grande appassionato, che Alberto ha trovato la sua principessa. Si conoscono infatti nel 2000, quando lei vince la medaglia d’oro nei 200 metri dorso al Meeting internazionale di Monaco. Seguiranno altri tre primi posti sul podio alla Coppa del mondo: un percorso da atleta che ha forgiato a colpi di allenamenti non solo il fisico ma anche la personalità di questa trentatrenne nata in Zwimbabwe.

Charlene Wittstock, futura principessa di Monaco:

“Indipendentemente da chi sono o da chi sarò, credo che sia nostro dovere pensare l’uno all’altra e contribuire ad aiutare, per quanto possibile, le persone in difficioltà, da un punto di vista sportivo, umanitario o in altri ambiti. È sicuramente nostra responsabilità farlo”.

Impegnata da tempo in cause umanitarie, la futura sposa ha curato poco a poco la sua immagine, dando una nuova ventata di glamour al Principato, che non ha mai dimenticato la sua principessa, la sfortunata Grace Kelly, morta in un incidente d’auto all’età di 52 anni. Sono in molti a cercare somiglianze tra le due donne, nel tentativo di riportare in vita un passato idealizzato dall’intera comunità monegasca.

Colombe Pringle, redattrice capo di Point de Vue:

“Sono sicura che abbia guardato ogni singola foto di Grace e penso che, anche se inconsciamente, ci sia qualcosa di quel suo essere bionda ed elegante come sua madre che ha attirato Alberto, anche se Charlene è una donna più forte”.

Di fede protestante, ha dovuto convertirsi al cattolicesimo per poter sposare Alberto e solo dopo il fidanzamento, nel giugno del 2010, ha potuto prendere parte alle cerimonie ufficiali della famiglia reale, come in occasione della festa nazionale, che ha potuto festeggiare solo lo scorso novembre, varcando per la prima volta la soglia della Cattedrale di Monaco.

La bella sudafricana, che ha dovuto imparare anche il francese e il dialetto monegasco, ha fatto le prove generali in varie occasioni ufficiali e sembra già perfettamente entrata nel ruolo al fianco del suo principe.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Nozze di Monaco, chiacchierata con i futuri sposi

monacowedding

Nozze di Monaco, chiacchierata con i futuri sposi