ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cambogia: al via processo storico contro Khmer rossi

Lettura in corso:

Cambogia: al via processo storico contro Khmer rossi

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cambogia processa i 4 più alti esponenti del regime dei Khemr rossi ancora in vita.

Alla sbarra l’ideologo Nuon Chea; il presidente dell’allora ‘Kampuche Democratica’, come si chiamò il paese durante il regime, Khieu Samphan; l’allora ministro degli Esteri Ieng Sary e la moglie, ex ministro degli Affari Sociali Ieng Thirith.

Sono tutti accusati di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità in questo processo storico patrocinato dalle Nazioni unite.

Gli anziani esponenti del regime marxista, al potere dal 1975 al 1979 dopo la rivoluzione Khmer, respingono l’accusa di essere stati stretti collaboratori di Pol Pot, morto nel 1998.

Soprattutto, negano di aver avuto responsabilità dirette negli orrori commessi in quegli anni: circa 2 milioni di persone, 1/4 della popolazione cambogiana dell’epoca, hanno perso la vita per

esaurimento, carestia, malattia o a seguito di torture e di esecuzioni mirate.