ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia-Siria: cresce la tensione al confine

Lettura in corso:

Turchia-Siria: cresce la tensione al confine

Dimensioni di testo Aa Aa

Applausi per la Turchia. Centinaia di cittadini siriani, residenti in Giordania, si sono radunati davanti all’ambasciata ad Amman per ringraziare il governo di Ankara. La Turchia ha accolto 12mila profughi in fuga dalla repressione del regime di Bashar al Assad.

Un impegno che, secondo un quotidiano israeliano, potrebbe degenerare in scontri armati tra le truppe dei due Paesi.

“Siamo qui per esprimere la nostra felicità e il nostro sostegno alla posizione che Erdogan e i turchi hanno preso nei confronti della popolazione siriana”, spiega una giovane manifestante.

Sabato scorso carri armati e soldati siriani sono penetrati ad al-Najia, nel nord-est del Paese, al confine turco. Lo hanno riferito diversi attivisti per i diritti umani che vivono fuori dalla Siria.

Erdogan ha convocato un incontro con i vertici delle forze armate, i servizi segreti e il ministro degli Esteri per esaminare lo scenario di possibili operazioni militari siriane in territorio turco. La preoccupazione del governo è che Damasco possa cercare di colpire i campi profughi in al di là dei propri confini.