ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

No alla missione in Libia da Camera Usa, voto non vincolante

Lettura in corso:

No alla missione in Libia da Camera Usa, voto non vincolante

Dimensioni di testo Aa Aa

La Camera dei rappresentanti dice no all’intervento statunitense in Libia. Un voto politico, ma che di fatto non avrà reali effetti sulle operazioni nell’ambito delle azioni della Nato.

Non è stato approvato, infatti, il testo che avrebbe drasticamente tagliato i fondi destinati alla missione militare.

“Abbiamo un piano che stiamo portando avanti per completare la missione in Libia – ha detto il segretario di Stato Americano, Hillary Clinton – Funziona e abbiamo bisogno di portarlo a conclusione. Il tempo e la storia sono dalla nostra parte. Ma solo se manterremo la pressione”.

Il voto non vincola la scelta della presidenza, ma suona come un’aperta critica alle scelte di Barack Obama: è la sfida più forte da parte del Congresso, dagli anni Novanta, alla casa Bianca in materia di conflitti. Il presidente è accusato di aver ignorato il parlamento.

“Onestamente crediamo che dovrebbero sostenere il loro presidente, la sua battaglia per la democrazia e la libertà, che sono fondamentali per il popolo americano, e aiutare i libici a realizzare le loro aspirazioni”, è l’opinione di Jalal el-Gallal, portavoce dei ribelli libici.

Il regime di Gheddafi sarà sconfitto solo mantenendo una forte pressione militare, ha detto il segretario generale della Nato Rasmussen. La guerra avrebbe fatto già oltre 15 mila morti e 30 mila prigionieri, secondo quanto fanno sapere ex ufficiali libici fuggiti in Tunisia.