ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Senegal: scontri mentre il parlamento discute riforma elettorale


Senegal

Senegal: scontri mentre il parlamento discute riforma elettorale

La riforma del sistema elettorale ha sconvolto gli equilibri del Senegal, Paese che fino a ieri era considerato un’isola di tranquillità in mezzo ai costanti fermenti dell’Africa occidentale.
Negli scontri a Dakar sono rimaste ferite alcune persone, varie auto sono state date alle fiamme.
 
I manifestanti protestano contro una riforma che, dicono, renderebbe troppo facile la rielezione del presidente uscente Abdoulaye Wade, e gli consentirebbe anche di spianare la strada della presidenza al proprio figlio.
 
Attualmente, alle presidenziali, un candidato deve superare il 50% dei consensi per essere eletto al primo turno.  La riforma proponeva di ridurre questa quota al 25%, e ciò avrebbe consentito a Wade di imporsi facilmente su un’opposizione frammentata.  Il presidente ha annunciato il ritiro di questo punto, ma l’opposizione non si fida e le manifestazioni continuano, intorno al Parlamento che sta votando. Resta invece l’altro oggetto del contendere, cioè l’istituzione della figura del vice-presidente, che Wade certamente attribuirebbe al figlio, già oggi super-ministro.  

Prossimo Articolo

mondo

JK Rowling lancia Pottermore e gli e-book del maghetto