ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Piu' diritti negli acquisti on line

Lettura in corso:

Piu' diritti negli acquisti on line

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Parlamento europeo ha approvato una nuova direttiva che dà maggiori diritti ai consumatori su Internet. Si avranno quattordici giorni di tempo per rispedire indietro un bene che non corrisponde alle aspettative.

I cittadini dovranno essere piu’ informati sulle condizioni di acquisto e sul prezzo finale.

Soddisfatta la Commissione che aveva presentato il progetto due anni fa.

“Saranno eliminati gli abusi- spiega Viviane Reding, Commissaria per i diritti fondamentali- Ad esempio sui costi supplementari delle carte di credito, spariranno quelle caselle che si presentano già selezionate per assicurazioni e pranzi, quando invece si vuole acquistare solo un biglietto aereo. Oggi siamo costretti a comprare degli extra. Non accadrà piu’ in futuro”

Solo il 7% degli europei osa fare shopping in siti web che non siano del proprio paese. E spesso denunciano difficoltà nelle consegne o problemi con il servizio di assistenza ai clienti.

Secondo Test Achats, associazione belga per la protezione dei consumatori, si possono fare ancora dei passi avanti. Gilles de Halleux, Test Achats: “Questa direttiva non è una rivoluzione, ma in qualche modo dà gli stessi diritti a tutti i consomatori europei, quindi è un elemento positivo. Ma siamo preoccupati che in diversi punti gli stati possano privare il consumatore di questa nuova protezione. Ad esempio gli stati possono dire che per gli acquisti inferiori a 50 euro, i consumatori non godono degli stessi diritti.

Christelle Pétrongari, euronews:

“La direttiva dovrebbe migliorare i diritti dei consumatori in tutti gli stati membri. Ma alcuni esperti temono che possa complicare la vita dei cittadini che spesso non sono consapevoli dei propri diritti. Lo vedremo nel 2013 quando la direttiva entrerà in vigore”.