ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Seconda notte di scontri a Belfast

Lettura in corso:

Seconda notte di scontri a Belfast

Dimensioni di testo Aa Aa

La polizia nordirlandese parla dei peggiori disordini peggiori da decenni. Nella seconda notte di violenti scontri a Belfast a pagare il prezzo più alto è stato stavolta un fotografo rimasto ferito a una gamba per un colpo di arma da fuoco.

Nell’area di Short Strand, enclave cattolica nella protestante Belfast Est, centinaia di persone sono scese di nuovo in strada e sono volati anche mattoni e molotov.

Testimoni oculari hanno fornito versioni contrastanti di quanto accaduto, ma la polizia attribuisce all’Ulster Volunteer Force – uno dei principali gruppi paramilitari lealisti protagonista di un controverso cessate-il-fuoco – la responsabilità di avere scatenato le ostilità.

Resta il fatto che il progresso politico favorito dagli accordi del Venerdì Santo del 1998 sembra corrispondere sempre meno alla fine delle tensioni tra la comunità cattolica e quella protestante. Soprattutto all’avvicinarsi della stagione delle marce orangiste.