ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Fed sceglie lo statu quo

Lettura in corso:

La Fed sceglie lo statu quo

La Fed sceglie lo statu quo
Dimensioni di testo Aa Aa

Come dato ampiamente per scontato dagli investitori internazionali la Federal Reserve, l’istituto di emissione americano, ha lasciato invariati i tassi d’interessi. Per i cittadini degli Stati Uniti il costo del denaro resta in una forchetta compresa tra lo 0 e lo 0,25% che resta a un livello tra i piu’ bassi nel mondo occidentale. Tra i paesi dove costa di piu’ prendere a prestito il denaro ci sono i 17 paesi della zona euro con l’1,25% e la Cina con oltre il 6%.

Tra i motivi che hanno spinto la Fed a scegliere la via dello statu quo ci sono diversi fattori. A cominciare dalla ripresa economica che va avanti, certo, ma ad un tasso piu’ lento del previsto. Un contesto in chiaroscuro in cui emerge che il mercato del lavoro é piu’ debole di quanto prevedevano gli analisti.

Una situazione difficile quella che vivono i consumatori americani alle prese con un calo del potere d’acquisto del dollaro a fronte dei rincari dei prezzi dell’energia.

E infine la Fed ha annunciato che il piano da circa 600 miliardi di dollari per l’acquisto di titoli di stato si chiuderà come previsto a fine giugno