ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

No all'austerity, sì al sociale. In piazza per un'altra Europa

Lettura in corso:

No all'austerity, sì al sociale. In piazza per un'altra Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il sociale prima del capitale. Il lavoro prima della finanza. Rivedere le priorirità per costruire un’Europa più rispettosa dei lavoratori, l’appello che arriva da Lussemburgo.

Bersaglio numero uno di rabbia e cartelli le politiche di austerity: per le migliaia di manifestanti che hanno risposto all’appello della Confederazione Europea dei Sindacati una falsa risposta ai veri problemi, a scapito poi soprattutto della classe lavoratrice.

“Quanto ci serve ora – dice una di loro – non è una politica di austerità. Abbiamo piuttosto bisogno di crescita, investimenti, eurobond e una soluzione per la Grecia e per gli altri paesi europei che ora sono in pericolo”.

“Noi – le fa eco un rappresentante dei sindacati tedeschi – riteniamo importante che l’Europa non finisca per disintegrarsi. Dobbiamo invece garantirle un futuro e anche sul piano sociale. La Grecia fa parte di questa famiglia, come la Germania. I politici tedeschi devono smetterla di piegarsi agli interessi del capitale. Ci serve una politica che guardi a un’Europa sociale”.

L’indice è puntato soprattutto contro Angela Merkel e Nicolas Sarkozy: governanti di quell’Europa forte, a cui la piazza imputa qui oggi di imporre ai partner più deboli una politica fuorviata dal profitto, nella sua ricerca di un domani diverso.