ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Airbus-Boeing: le nuove sfide

Lettura in corso:

Airbus-Boeing: le nuove sfide

Dimensioni di testo Aa Aa

Torna in primo piano la guerra commerciale fra Airbus e Boeing al salone dell’aeronautica di Parigi. Alla sfida fra i nuovi modelli a fusoliera larga, si aggiunge ora un rinnovo di quelli a fusoliera stretta come il Boeing 737 e l’Airbus 320, i purosangue dei due costruttori.

Tra costruire un modello completamente nuovo o rinnovare quello esistente, Airbus ha scelto a dicembre la seconda strada lanciando l’A320 Neo: i nuovi motori consentirebbero un risparmio di carburante del 15 per cento.

Spiega Alan Pardoe, del capo del marketing a Airbus: “Abbiamo visto che per fare davvero meglio bisognava aspettare una nuova generazione di motori, al di là di quello che abbiamo scelto per il Neo, e quelli non compariranno prima del 2030, più o meno. Questo può fornire forse un 15 per cento in più, ma non è affatto certo. Alla fine ci siamo orientati sul Neo, scegliendo al tempo stesso di lanciare un’intera famiglia di nuovi aerei dotati dello stesso motore che abbiamo selezionato per il Neo. È la formula vincente, perché potremo mettere questi modelli sul mercato prima della fine del 2015”

Sulla questione, Boeing invece non ha ancora preso una decisione. Lo farà nei prossimi mesi, ha annunciato al salone di Le Bourget il responsabile commerciale del colosso Usa, Jim Albaugh. Ma in questo modo, gli abbiamo chiesto, non c‘è il rischio che Boeing si ritrovi in ritardo sul mercato?

La sua risposta suona come una sfida: “Abbiamo un arretrato di, credo, 2.200 Boeing 737. Abbiamo il tutto esaurito sulla nostra linea di prodotti quasi fino al 2016. Ovviamente, i nostri clienti non possono aspettare in eterno, ma sanno che faremo delle due l’una: o un nuovo motore, o un nuovo aereo più piccolo. In entrambi i casi avranno un prodotto migliore del Neo”.

Per sapere chi avrà vinto la sfida, bisognerà attendere qualche anno.