ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, sciopero generale contro i tagli. Deputato socialista lascia: "Obiezione di coscienza"

Lettura in corso:

Grecia, sciopero generale contro i tagli. Deputato socialista lascia: "Obiezione di coscienza"

Dimensioni di testo Aa Aa

Vogliono isolare con una catena umana il parlamento di Atene, i manifestanti che per oggi hanno proclamato uno sciopero generale in tutta la Grecia.

Protestano, come accade da mesi, contro i piani del governo davanti alla bancarotta finanziaria dello stato, e chiedono che la crisi non venga fatta pagare alle classi sociali più deboli.

Una nuova sfida per il primo ministro Georgi Papandreu, costretto da Fmi e Unione europea a varare una terapia shock: tagli per 28 miliardi di euro in quattro anni e licenziamento di un quinto dei 750.000 dipendenti pubblici.

Una cura da cavallo che ha cominciato a dividere la maggioranza parlamentare. Un deputato socialista ha spiegato con il diritto a una obiezione di coscienza le sue dimissioni dal gruppo.

Intanto, i paesi della zona euro, riuniti ieri a Bruxelles, faticano a definire un nuovo piano d’azione per la Grecia, che secondo indiscrezioni richiederebbe ulteriori 20 miliardi.