ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'ironia dei belgi va oltre la crisi

Lettura in corso:

L'ironia dei belgi va oltre la crisi

L'ironia dei belgi va oltre la crisi
Dimensioni di testo Aa Aa

In Belgio la crisi di governo alimenta il genio degli autori televisivi.

Peter de Maegt si è inventato una serie di successo

“Jean diventa fiammingo”, le avventure di un belga francofono che scopre i vantaggi della controparte fiamminga.

E’ un format in onda sulla tv di lingua olandese destinato a chi crede ancora ad un Belgio unito.

Peter de Maegt: “ E’ un approccio ironico al dibattito nel suo complesso e al movimento nazionalista fiammingo della NVA, incoraggiamo il dialogo, non siamo per una radicalizzazione del conflitto”

A Rhode-Saint-Genèse, nella periferia di Bruxelles, il discorso non cambia. Ironia e scetticismo sono diffusi anche in questo comune fiammingo popolato soprattutto da francofoni.

“Sono i politici che fanno casini, tra la gente normale non ci sono problemi, ma è il loro business senza di cui non esisterebbero”, ha scherzato una signora. “Saprebbero come trovare un accordo, ma poi ce n‘è uno contro, l’altro a favore, di giorno litigano come matti, e poi la sera vanno a mangiare insieme da buoni amici, questa è la politica”, ribadisce un altro passante.

Due terzi dei belgi credono che il paese possa evitare la scissione, soprattutto nella Wallonia francese del socialista Elio di Rupo; ma anche nelle Fiandre, dove un anno fa stravinse il separatista Bart de Wewer, il sessanta percento dei fiamminghi vuole ancora l’unità.