ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giorno della Russia, contestazioni a Mosca

Lettura in corso:

Giorno della Russia, contestazioni a Mosca

Dimensioni di testo Aa Aa

Il 12 giugno si celebra il Giorno della Russia. La ricorrenza, salutata ogni anno con festeggiamenti ufficiali, come in queste immagini da Vladivostok, ricorda la data in cui, nel 1990, venne proclamata la sovranità della Repubblica ex-sovietica e nel 1991 venne eletto a suffragio universale il primo presidente, Boris Eltsin.

Il suo successore Dimitri Medvedev oggi ha dato un ricevimento e consegnato riconoscimenti a personaggi illustri nel campo della cultura e della scienza.

Il capo del Cremlino ha sottolineato che 21 anni fa è avvenuta una svolta per molte ragioni e che nel corso degli anni la Russia è cambiata radicalmente in quanto a sistema socio-economico e a stile di vita del popolo.

Ma non tutti sono d’accordo. A Mosca, gruppi di contestatori hanno manifestato al grido di: “Al diavolo la vostra festa. La nostra Russia è la Russia sovietica.”

Tra i nostalgici del comunismo, stavolta molti erano giovani. Insieme a loro sono scesi in piazza ambientalisti e attivisti per i diritti umani, chiedendo piú libertà e democrazia. La polizia ha compiuto arresti tra i partecipanti alla manifestazione, che non era autorizzata.