ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Jorge Semprun nel ricordo di Felipe Gonzales e Costa Gavras

Lettura in corso:

Jorge Semprun nel ricordo di Felipe Gonzales e Costa Gavras

Dimensioni di testo Aa Aa

Jorge Semprun e la politica. Qualcosa di inseparabile dall’uomo e dall’intellettuale di sinistra. Ecco come ne parla Felipe Gonzales, primo ministro spagnolo quando Semprun era ministro della Cultura.

“Lo feci venire da Parigi per nominarlo ministro. Non so se dico bene, perchè lui la metteva cosi: fu la gioia più grande della sua vita, non solo per il fatto di poter tornare in Spagna, ma anche per il fatto di tornare per far parte di un governo che io guidavo in quel momento. Era un socialista democratico, liberale – qualcosa che oggi suona fuori moda – e di grande valore, di grande merito per una evoluzione vitale autocritica. Era capace di capire realtà molto diverse, e d’altra parte è stato un fantastico ministro della Cultura”.

Un ricordo grato di Jorge Semprun arriva anche da Costa Gavras, il regista greco di alcune sue sceneggiature, messe in scena con Yves Montand.

“Prima di tutto era una persona buona, di una grande onestà intellettuale e politica. E io penso che lui sia stata la sola persona che ho incontrato nella mia vita con un tale livello di chiarezza e onestà politica”.