ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strauss Kahn, cameriere New York urlano 'vergogna'

Lettura in corso:

Strauss Kahn, cameriere New York urlano 'vergogna'

Dimensioni di testo Aa Aa

Le cameriere di New York non credono all’innocenza di Dominique Strauss Kahn. Lo hanno atteso all’esterno del tribunale e lo hanno accolto al grido di “vergogna”.

“Siamo qui per sostenere le donne dall’hotel Sofitel. Tante situazioni accadono dietro quelle porte – dice Gladys Natal dell’Essex house hotel -Quando si chiude la porta ci sono tante cose da lasciarsi alle spalle”.

“Siamo qui per chiedere rispetto, è quello che cerchiamo”, dice Tinthya Monplaisir del Plaza hotel.

“I soldi e il potere non cambieranno la verità. Quello che vuole la mia assistita è giustizia, dignità e rispetto”, sono state, invece, le parole dell’avvocato della cameriera che accusa Strauss

Kahn, Ken Thomson.