ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strauss Kahn, cameriere New York urlano 'vergogna'

Lettura in corso:

Strauss Kahn, cameriere New York urlano 'vergogna'

Strauss Kahn, cameriere New York urlano 'vergogna'
Dimensioni di testo Aa Aa

Le cameriere di New York non credono all’innocenza di Dominique Strauss Kahn. Lo hanno atteso all’esterno del tribunale e lo hanno accolto al grido di “vergogna”.

“Siamo qui per sostenere le donne dall’hotel Sofitel. Tante situazioni accadono dietro quelle porte – dice Gladys Natal dell’Essex house hotel -Quando si chiude la porta ci sono tante cose da lasciarsi alle spalle”.

“Siamo qui per chiedere rispetto, è quello che cerchiamo”, dice Tinthya Monplaisir del Plaza hotel.

“I soldi e il potere non cambieranno la verità. Quello che vuole la mia assistita è giustizia, dignità e rispetto”, sono state, invece, le parole dell’avvocato della cameriera che accusa Strauss

Kahn, Ken Thomson.