ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile

Lettura in corso:

La lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile

Dimensioni di testo Aa Aa

Combattere il lavoro minorile resta una delle sfide principali sia nei Paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo. Si stima che circa 200 milioni di bambini al mondo lavorino, molti in condizioni pericolose. Non solo vengono sfruttati, ma vengono anche privati del fondamentale diritto all’istruzione. E’ il tema di questa puntata.

Mali, contro il lavoro minorile in miniera

Nelle miniere d’oro di Kéniéba in Mali, i bambini sono parte integrante della forza lavoro, lavano il metallo prezioso come hanno fatto altre generazioni prima di loro. Grazie al progetto Tackle possono imparare a leggere e scrivere e aspirare a un altro futuro.

Il progetto è stato avviato dall’Ufficio internazionale del lavoro, un organo dell’ILO, un’agenzia delle Nazioni Unite. In collaborazione con l’ong maliana Rac. L’Unione Europea contribuisce con un finanziamento di circa 120 mila euro. Lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile attraverso l’istruzione in quattro villaggi della provincia di Kenieba.

Uruguay, dalle strade ai banchi di scuola

Nelle strade di Montevideo migliaia di bambini sopravvivono con quello che la città getta. Chiamati “carritos”, passano il giorno raccogliendo, trasformando e vendendo oggetti abbandonati in strada. E’ un lavoro sporco e pericoloso. Ma grazie all’impegno di una ong hanno la possibilità di andare a scuola come gli altri bambini.

Gurises Unidos permette ai bambini di smettere di lavorare e di andare a scuola, aiuta gli adulti a seguire una formazione e offre un sostegno psicosociale.

Cina, divertirsi a lavorare

Alla Kid Tree school in Cina avviene quello che dovrebbe essere la norma nel mondo intero e non un privilegio per pochi. I bambini si divertono a lavorare. Un’esperienza che arricchisce e che fornisce lezioni per la vita futura, questa è la sua filosofia.

E’ il primo campo-scuola in Cina che offre ai bambini l’opportunità di imparare un lavoro in modo divertente per tre giorni con l’aiuto di supervisori.