ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo al voto, l'appello di Cavaco Silva contro astensione

Lettura in corso:

Portogallo al voto, l'appello di Cavaco Silva contro astensione

Dimensioni di testo Aa Aa

Oggi in Portogallo si vota, e gli indignados hanno voluto fare sentire la loro voce. Tre manifestanti sono stati fermati nel cuore di Lisbona alla vigilia delle politiche durante un’assemblea promossa dal movimento che si ispira a quello nato in Spagna. I giovani non avevano l’aurorizzazione, in quanto giornata di riflessione pre-elettorale.

Giornata nella quale il presidente portoghese Anibal Cavaco Silva ha lanciato un ultimo appello a recarsi ai seggi. L’astensione potrebbe infatti superare il 40 percento, su circa 10 milioni di elettori chiamati a scegliere il governo dei prossimi quattro anni. Sul quale Unione europea e Fondo Monetario Internazionale vigileranno, affinché le condizioni imposte per il salvataggio da 78 miliardi di euro siano rispettate.

Anche se sorprese, in politica, non si possono mai escludere, per il premier socialista, uscente, José Socrates le speranze sembrano ridotte ai minimi termini, poiché considerato da molti responsabile di avere trascinato il Paese sull’orlo della bancarotta. A trarre vantaggio di quello che si profila come un voto sanzione: Pedro Passos Coelho, centro destra, anche se per lui non è garantita una maggioranza assoluta.