ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mladic: "Non tornerò vivo in Serbia", venerdì prima udienza

Lettura in corso:

Mladic: "Non tornerò vivo in Serbia", venerdì prima udienza

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo l’estradizione dalla Serbia e l’arrivo nel carcere de L’Aja, Ratko Mladic comparirà davanti ai giudici del Tribunale penale internazionale venerdì mattina.

Il procuratore Serge Brammertz ha presentato una nuova versione dell’atto di imputazione contro l’ex generale che comprende 11 capi di accusa, incluso quello di genocidio.

“L’arresto di Mladic dà un segnale chiaro e forte che non c‘è più spazio per l’impunità e che chi è accusato di crimini di guerra, genocidio e crimini contro l’umanità prima o poi deve fare i conti con la giustizia”, ha detto Brammertz.

Mladic, che rischia l’ergastolo, poteva essere arrestato prima e 16 anni di attesa sono un periodo ‘‘troppo lungo’‘ per la giustizia, ha precisato il procuratore del tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia.

Non è stato ancora deciso se unificare il suo processo con quello in corso contro Radovan Karadzic.

Il prigioniero numero 37, questo il numero assegnato all’ex generale, è stato sistemato in una cella di 15 metri quadrati. “Non tornerò vivo”, ha detto alla sua famiglia prima di lasciare la Serbia.