ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Batterio killer, la Spagna non esclude reclamo formale

Lettura in corso:

Batterio killer, la Spagna non esclude reclamo formale

Dimensioni di testo Aa Aa

Marta Gil, euronews

Sono già 15 le morti in Germania per il batterio Escherichia coli, che sta facendo tremare l’agricoltura europea. La settimana scorsa, Berlino aveva denunciato i cetrioli spagnoli come responsabili dell’epidemia.

In collegamento con noi dall’Ungheria, dove i Ventisette si sono riuniti per discutere di questa crisi, c‘è il Ministro spagnolo all’Agricoltura, Rosa Aguilar.

Ministro, la Germania ha ritrattato la propria versione e sostiene ora che i cetrioli non siano all’origine dell’infezione. Qual è la reazione spagnola?

Rosa Aguilar, Ministro spagnolo all’Agricoltura

Innanzitutto, è chiaro che non si può accusare senza prove, la Germania non può che convenire. Inoltre, a seguito dell’impatto negativo sulla filiera spagnola, abbiamo annunciato oggi nel corso del Consiglio informale dell’Unione europea che appoggeremo i nostri produttori nella richiesta degli aiuti previsti in caso di crisi dall’Organizzazione mondiale del commercio, ma non solo: abbiamo anche chiesto un intervento finanziario aggiuntivo per ammortizzare i danni irreparabili a questa filiera. Infine, ci riserviamo il diritto di porre sul tavolo la questione della responsabilità tedesca, richiedendo quindi un contributo economico da parte della Germania.

Questi sono i tre aspetti di cui si è discusso e ripeto: non si possono fare accuse senza essere sicuri, perché questo provoca dei danni ingiusti, assolutamente ingiustificati, senza prove e senza motivo.

euronews

Ci sarà un reclamo formale del governo spagnolo nei confronti della Germania?

Rosa Aguilar

Prima aspettiamo di vedere se gli aiuti straordinari dell’Unione europea saranno sufficienti per affrontare l’impatto negativo di queste accuse ingiustificate. Ci riserviamo però, come governo spagnolo e per conto dei nostri agricoltori, il diritto di far valere le responsabilità tedesche. Ma il primo passo che faremo è aspettare di capire fino a che punto l’azione europea coprirà i danni e solo in un secondo momento eventualemente agire, d’accordo con la filiera, per rimborsare nella giusta misura i produttori di quello che hanno perso.

euronews

I Ministri dell’agricoltura europei vi hanno garantito che i vostri produttori riceveranno effettivamente gli indennizzi che chiedono?

Rosa Aguilar

Bisogna dire che siamo davanti ad un problema europeo, quindi la risposta deve essere europea. È vero che la Spagna è il Paese maggiormente colpito, ma ci sono state conseguenze anche in altri Stati membri. Come responsabili del settore, abbiamo il dovere di reagire, e di farlo a livelo europeo.