ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In piazza per Mladic. Allarme per le manifestazioni in suo onore

Lettura in corso:

In piazza per Mladic. Allarme per le manifestazioni in suo onore

Dimensioni di testo Aa Aa

Cresce la tensione per le manifestazioni annunciate dai sostenitori di Ratko Mladic. Una maratona di assembramenti contro il suo sempre più probabile trasferimento al Tribunale Penale Internazionale dell’Aja, già iniziata nei pressi di Sarajevo e in vista della quale lo stesso ex capo militare dei serbi di Bosnia ha invitato tramite il suo legale a evitare scontri e spargimenti di sangue.

“Il mio cliente – dice l’avvocato di Mladic, Milos Saljic – non riconosce il Tribunale dell’Aja e non si considera colpevole. Argomenti che il suo stato di salute non gli consente comunque di affrontare. Non si trova in condizioni di lucidità. Inizia a parlare di una cosa e poi passa improvvisamente a un’altra”.

Secondo la stampa Serba, Mladic avrebbe intanto detto ai giudici di non aver ucciso nessuno e scaricato ogni responsabilità sull’allora presidente Slobodan Milosevic.

Dichiarazioni che suonano come uno schiaffo per la folla nel frattempo radunata a Visegrad, per piangere il massacro fatto dalle milizie serbe nella primavera del 1992.

Centinaia le madri e le mogli dei musulmani bosniaci vittime della pulizia etnica, che hanno gettato fiori nel fiume Drina per una simbolica commemorazione, intitolata dagli organizzatori “3000 rose per 3000 innocenti”.