ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una mostra di graffiti nella città che non li tollera, Stoccolma

Lettura in corso:

Una mostra di graffiti nella città che non li tollera, Stoccolma

Dimensioni di testo Aa Aa

Una mostra di graffiti a Stoccolma suona quasi come una contraddizione visto che la capitale svedese applica una politica di tolleranza zero nei confronti di chi dipinge o scrive sui muri della città.

La società d’aste Lauritz ha organizzato la vendita di 30 pezzi di artisti di origine internazionale ma anche svedese. Alcuni sono veterani del campo come: Banksy, Ikaros, A.K. e Lucky thief.

Ikaroz, con i suoi graffiti è stato uno dei piu influenti artisti degli ultimi anni. Generazioni di giovani graffitari si sono ispirati al suo carattere eccentrico, ma si tratta anche di un artista affermato dalle cui forme molti continuano ad attingere.

Le sue opere esibite alla mostra vengono vendute a prezzi che vanno dai 100 ai 28000 euro.

“Per qualche anno abbiamo assistito a una forte reazione negativa nei confronti dei graffiti – ha detto l’amministratore delegato della casa d’aste – ma oggi sta sempre più diventando una forma d’arte riconosciuta e sempre più accettata. Comincia ad entrare nei musei e nelle mostre, se non a Stoccolma, almeno a livello internazionale. Presto diventerà un fenomeno commerciale. A sentir loro, gli artisti, è una questione ancora piuttosto dibattuta”.

Quella dei graffiti è una nuova forma di “arte povera”, uno stile post moderno di decorare gli spazi urbani, ma possono i graffiti costituire una carriera artistica professionale? Risponde un artista di strada di Stoccolma:

“Si tratta di una subcultura che in quanto tale è definita dalla presenza di una società che oppone regole”, spiega Dwane, un graffitaro svedese. “Se togli queste regole non potrà più essre una subcultura allo stesso modo. I graffiti hanno bisogno di divieti per esistere”, continua. “Allo stesso tempo, con queste contaminazioni di diverse forme, vedremo succedere cose molto interessanti nel mondo dell’arte. D’altra parte però se a 43 anni disegni un puffo su un muro e la chiami arte – conclude – la tua posizione è molto difficile da difendere”.

E la vendita? Quest’asta di Stoccolma sarà un banco di prova…