ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Panico in Bielorussia per svalutazione rublo

Lettura in corso:

Panico in Bielorussia per svalutazione rublo

Dimensioni di testo Aa Aa

In Bielorussia è ormai assalto a negozi e supermercati. La svalutazione del rublo ha scatenato il panico tra la popolazione, che fa scorta di beni di prima necessità. Tanti fanno la coda dai rivenditori di frigoriferi. In tanti l’hanno fatta la coda alle stazioni di servizio.

La banca nazionale di Minsk ha deprezzato il cambio ufficiale di oltre 50 punti percentuali. Una mossa che non tutti condividono: “Direi che è un grosso errore di politica macroeconomica – dice l’economicsta Leonid Zaidko -. Non si ossono dimenticare le leggi dell’economia, non si può dimenticare il fatto che la nostra bilancia commerciale è deficitaria di 10 miliardi di dollari”.

La Bielorussia – guidata dal presidente Alexandre Lukashenko da oltre 15 anni – sta vivendo una pesante crisi finanziaria. A imporre la svalutazione del rublo, un deficit che ha prosciugato le riserve valutarie del Paese. E il malumore dei cittadini cresce, sempre più preoccupati per l’aumento dei prezzi e un rublo in caduta libera.