ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yemen, sospesa mediazione sulla crisi

Lettura in corso:

Yemen, sospesa mediazione sulla crisi

Dimensioni di testo Aa Aa

I Paesi del Golfo sospendono la mediazione per risolvere la crisi nello Yemen dopo il rifiuto del Capo dello Stato Ali Abdullah Saleh di firmare il piano messo a punto per una sua uscita di scena. E’ la terza volta consecutiva.

La riunione all’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti mentre nella capitale Sanaa i sostenitori del Presidente, molti dei quali armati, scendevano per le strade. Nel rifiutare l’accordo, Saleh ha evocato il rischio di una guerra civile.

La sua presa di posizione arriva dopo che altri 5 membri del regime avevano invece deciso di sottoscrivere l’intesa che porrebbe fine a oltre 30 anni di potere senza soluzione di continuità.

“Ci spingono verso una guerra civile. Saranno responsabili del bagno di sangue già avvenuto e di quanto ancora avverrà a causa della loro stupidità” ha detto Saleh riferendosi all’opposizione.

Nel pomeriggio di ieri il segretario generale del Consiglio della Cooperazione del Golfo e l’ambasciatore degli Stati Uniti a Sanaa sono stati evacuati in elicottero dall’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti, circondata da centinaia di sostenitori del regime armati.