ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama in Irlanda: legami di sangue e aiuti alla ripresa

Lettura in corso:

Obama in Irlanda: legami di sangue e aiuti alla ripresa

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la regina Elisabetta, il presidente degli Stati Uniti e consorte. Protocollo impegnativo per il primo ministro irlandese Edna Kenny, a caccia di sostegni per ridurre gli interessi del prestito internazionale salva crisi.

E chissà mai che gli irlandesi non dimentichino nei festeggiamenti austerity e pene economiche.

“Faremo tutto ciò che possiamo per aiutare la ripresa”, ha promesso Barack Obama nella residenza presidenziale che fu della famiglia Guinness: “L’amicizia e il legame tra Stati Uniti e Irlanda non potrebbero essere più forti. Ovviamente non è solo una questione di interesse strategico o di politica estera. Con gli Stati Uniti, l’Irlanda ha un legame di sangue”.

Il riferimento del presidente, già in campagna elettorale, è a quei 37 milioni di statunitensi che provengono da quest’isola.

Insieme al capo di stato Mary McAleese,

Obama ha piantato un albero non lontano da quello voluto da John Kennedy nel 1963.

Poi una pinta di birra scura e il bagno di folla a Moneygall, paese di 300 anime a 85 chilometri da Dublino.

Qui ha incontrato un lontano cugino e visto la casa che fu del suo trisavolo, quello che nell’Ottocento lasciò l’Irlanda per sfuggire alla grande carestia.