ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La corsa alla successione di Strauss-Kahn

Lettura in corso:

La corsa alla successione di Strauss-Kahn

Dimensioni di testo Aa Aa

Una rosa di candidati per la successione di Dominique Strauss-Kahn alla direzione del Fondo Monetario Internazionale. Il Vecchio Continente preme perché sia un europeo a prendere il posto del socialista francese. I Paesi emergenti, dal canto loro, chiedono qualcuno che li rappresenti a livello mondiale.

Al momento la scelta più plausibile per il dopo Strauss-Kahn sarebbe Christine Lagarde. Dietro di lei il turco Kemal Dervish, che i bookmaker danno per favorito. Pi staccati il ministro delle finanze di Singapore, il politico sudafricano Trevor Manue e Augustin Carstens, governatore della Banca del Messico.

“E’ importante che un europeo sia a capo dell’FMI – ribadisce però Robert Halver, analista della Baader Bank – perché al Fondo siano al corrente dei problemi della zona euro e non credo che un cinese o un americano siano disposti a risolvere i problemi, perché si trovano già ad affrontare i loro, di problemi. Noi abbiamo bisogno di un europeo come nuovo Capo dell’FMI”.

La Lagarde, 55 anni, avvocato ed esponente dell’UMP, il partito di Sarkozy, è l’attuale Ministro francese dell’Economia, dell’Industria e dell’Impiego. Appoggiata anche da Washington, potrebbe diventare le prima donna a guidare il Fondo, anche perché Stati Uniti, Canada ed Europa detengono il 55% dei voti.