ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

DSK sotto custodia anti-suicidio

Lettura in corso:

DSK sotto custodia anti-suicidio

Dimensioni di testo Aa Aa

Chiuso in 8 metri quadrati di cella, posto sotto sorveglianza anti-suicidio in via cautelativa, scaricato dall’Fmi che precisa che l’immunità non è applicabile al caso. Le sorti di Dominique Strauss-Kahn sono decisamente cambiate da sabato scorso a mezzo giorno quando, secondo l’accusa, una cameriera 32enne di origine guineana è entrata nella sua stanza di albergo a New York ed è stata aggredita. Secondo l’avvocato della donna la teoria del complotto non regge: lei non sapeva che nella stanza soggiornava il Direttore del Fondo Monetario Internazionale.
 
“Lei non aveva idea di chi fosse l’uomo che aveva davanti, nemmeno dopo l’aggressione, certamente non quando è entrata nella stanza. Non sapeva chi fosse quell’uomo e non ha saputo il suo ruolo a livello planetario che il giorno successivo. Quindi non c‘è stato nessun complotto. Si tratta di una cameriera che cercava semplicemente di fare il proprio lavoro. Non c‘è possibilità che fosse parte di un qualsiasi complotto”.
 
Per il momento Strauss-Kahn non ha potuto comunicare con l’organo da lui diretto. Del resto all’Fmi è scattata la competizione per la sua successione benché non tutti i 24 membri del board concordino sulla richiesta di dimissioni.