ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: Misurata ritorna ai ribelli

Lettura in corso:

Libia: Misurata ritorna ai ribelli

Dimensioni di testo Aa Aa

Misurata è stata interamente riconquistata dai ribelli. Il clan degli Halbush protegge il lato est della città libica, bombardata per settimane dalle forze di Gheddafi, ma anche oggetto della controffensiva alleata. Le milizie cercano le case abbandonate dai soldati del Colonnello per recuperare le munizioni. Si spingono sempre più all’esterno della città per allontanare i lealisti e bloccare i lanci di razzi verso il centro abitato.

Il corrispondente di Eironews Alberto Arce:

“In questo momento siamo a Tamina, sul fronte a est della città, che protegge l’ingresso al porto. Siamo con le milizie dirette dalla famiglia Halbush. Tutti gli uomini si stanno preparando per cominciare l’offensiva”.

I combattimenti restano aperti su vari fronti, appoggiati dai raid aerei della Nato. In uno di questi a Tripoli, Gheddafi era stato dato per ferito e in fuga. Voci smentite dallo stesso Colonnello in un messaggio audio trasmesso dalla televisione di stato.

“Sono in un posto ha dichiarato in cui non potete raggiungermi né uccidermi. E anche se uccidete il mio corpo, la mia anima resterà nei cuori del mio popolo”.

E’ polemica per il raid di venerdì della Nato nella città petrolifera di Brega, dove sono rimasti uccisi 16 civili, tra cui 11 imam.

L’Alleanza conferma l’attacco, ma nega di essere all’origine della strage. Intanto i dignitari religiosi di Tripoli hanno chiesto di uccidere mille persone per ogni imam ucciso in Italia, Francia, Danimarca, Qatar ed Emirati Arabi.