ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, proteste aumentano nonostante repressione

Lettura in corso:

Siria, proteste aumentano nonostante repressione

Dimensioni di testo Aa Aa

Sfidando la dura repressione del regime, si moltiplicano in Siria le manifestazioni di protesta contro il presidente Bashar al Assad.

Alta la tensione a Homs, terzo più grande centro del paese e città natale della moglie del capo dello stato. Qui, nei giorni scorsi, il regime ha rafforzato la presenza delle forze armate, nella speranza di spegnere una rivolta che non si accontenta di vaghe promesse di riforme e che esige le sue dimissioni.

Diverse ONG, tra cui l’Osservatorio per i diritti umani in Siria, denunciano centinaia di arresti a Homs, ma anche a Deraa, dove si è innescata la scintilla della rivolta, e in diverse altre città.

Sono diventate intanto operative le sanzioni dell’Unione Europea contro Damasco: misure restrittive contro 13 personalità di spicco del regime, considerate responsabili di violenze.

Dall’inizio delle proteste, a marzo, centinaia di siriani hanno già oltrepassato la frontiera con il Libano per sottrarsi alla repressione. Damasco, che ha incassato la solidarietà del presidente libanese Suleiman, ha aumentato la sorveglianza al confine.