ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Turchia accoglie i primi profughi dalla Siria

Lettura in corso:

La Turchia accoglie i primi profughi dalla Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

I primi si sono affacciati alla frontiera turca la settimana scorsa. Sono cittadini siriani, in fuga dalla feroce repressione del regime di Bashar al Assad.

Di solito non hanno bisogno di visto, ma ora in molti chiedono asilo politico. In poco meno di una settimana ne sono arrivati quasi trecento. Tra loro questa famiglia di Lattakia: “I servizi segreti e i mercenari sono arrivati in città e ci hanno attaccato – sostiene Seryah Hammoude – hanno ucciso diverse persone. Noi siamo riusciti a scappare, ma ho sentito che alcuni di quelli che sono stati arrestati sono poi stati uccisi in prigione”.

Il governo di Ankara ha fatto appello alle autorità siriane affinché fermino le violenze. Ma intanto si prepara a fronteggiare un’ondata di rifugiati. Nella provincia di Hatai, nella Turchia meridionale, è stato allestito un campo profughi. Un migliaio sono in attesa del permesso per entrare in Turchia.

Il nostro inviato, Mustafa Bag: “I migranti dalla Siria sono ospitati in questo campo alle mie spalle. La mezzaluna rossa turca fornisce tre pasti al giorno. Al momento, i profughi in fuga dalle violenze sono circa 270, ma il campo ha la capacità di accoglierne fino a diecimila”.