ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo, non decolla lo sciopero contro l'austerità

Lettura in corso:

Portogallo, non decolla lo sciopero contro l'austerità

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è svolta senza troppi disagi la giornata di sciopero indetta dai dipendenti pubblici portoghesi: la prima da quando, giovedì, il governo dimissionario di Lisbona ha annunciato il piano di austerità che consentirà al paese di usufruire del prestito da 78 miliardi di euro concesso da Unione europea e Fondo monetario internazionale.

Tra i cittadini, prevale la rassegnazione: “Scioperare non risolve niente, bisognerà pagare, non ci sono alternative”.

“E’ naturale che i sindacati si mobilitino, è il loro compito in ogni paese del mondo. Stanno solo facendo la loro parte”.

Sull’adesione allo sciopero è guerra di cifre: 1,4% secondo il governo, 60% secondo i sindacati.

Il piano di rigore triennale, sul quale si sono impegnate anche le opposizioni, prevede il congelamento degli stipendi dei funzionari pubblici, l’aumento delle tasse e tagli alla spesa sociale.