ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: Pakistan deve spiegazioni su covo di Osama bin Laden

Lettura in corso:

USA: Pakistan deve spiegazioni su covo di Osama bin Laden

Dimensioni di testo Aa Aa

È la città dove si nascondeva l’uomo più ricercato al mondo, ma Abbottabad stenta a riconoscersi nel luogo che ha dato asilo, sin dal 2005, ad Osama bin Laden. Secondo un’opinione diffusa l’America avrebbe messo in piedi una sceneggiata per screditare agli occhi del mondo il Pakistan e rappresentarlo come alleato infido nella lotta ad al Qaeda.

Per saperne di più…

Il Direttore della CIA Leon Panetta afferma che era necessario agire con prudenza nel Paese asiatico per evitare un fallimento del blitz: “Abbiamo deciso di non informare il Pakistan di questa operazione condotta unilateralmente dagli Stati Uniti. Bisogna che risponda del fatto che non sapessero che quel compound esisteva”.

Se gli Stati Uniti sospettano il doppio gioco del Pakistan, ad Abbottabad e non solo prende sempre più piede la teoria del complotto americano.

Un commerciante locale dichiara: “Un assassino non potrebbe nascondersi in un posto come questo, nel mirino dell’intelligence per la presenza dell’accademia militare. Quindi come può l’uomo più ricercato di tutti nascondersi qui: è forse stupido? Non penso proprio, è stato tutto pianificato, una finzione”.

Il covo di bin Laden si trovava a poca distanza da una delle scuole militari più prestigiose del Pakistan. Abbottabad fu costruita nel 1840 proprio come piazza militare britannica e porta il nome del comandante James Abott che la fondò. A 50 chilometri da Islamabad, è tuttora una città di guarnigione.