ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, si aggrava la situazione di migranti e feriti a Misurata. La Turchia chiede l'addio di Gheddafi

Lettura in corso:

Libia, si aggrava la situazione di migranti e feriti a Misurata. La Turchia chiede l'addio di Gheddafi

Dimensioni di testo Aa Aa

A Misurata le macerie testimoniano i continui combattimenti tra forze pro Gheddafi e ribelli: ieri l’ultimo attacco al porto dei lealisti, oggi gli scontri nei sobborghi e i raid della Nato.

La popolazione è allo stremo: teme le conseguenze della fine dell’ultimatum posto dal regime ai ribelli. Un’amnistia in cambio del cessate il fuoco.

Anche dalla Turchia, che finora si era astenuta dal chiedere l’addio di Gheddafi, arriva un cambio di tono: “Noi riteniamo che il leader libico debba lasciare il Paese e ceda il potere immediatamente per se stesso e per l’avvenire della Libia” – ha dichiarato il premier Erdogan.

Temendo l’aggravarsi della crisi, le agenzie umanitarie hanno lanciato un appello per facilitare l’evacuazione di migliaia di feriti e di migranti bloccati a Misurata. Difficile far arrivare gli aiuti al porto, essenziale per i rifornimenti: le truppe di Gheddafi tentano di impedire con ogni mezzo l’accesso alle navi.